Giacomo Coniglione/Poesia

Disarmoniche Convergenze – Giacomo Coniglione

Disarmoniche convergenze

14269431_10209478413229257_1479111042_n

 

ti respiro di notte a luna piena
in questa primavera d’agosto
in questo talamo nascosto
su cui cova il nido la falena

ti guardo respirare, avvoltoio,
che ti nutri del mio fango
e che fai eldorado ogni nuvola

(t’amo
______è la parola dei poeti
bussola
______il battito dei nauti
cera
______la debolezza d’Icaro)

noi due fissiamo
(rinnovando)
eternità

.

I Tempo

vento, e silenzio apprendo
e cielo, in lontananza
eremo, e rudere castello

gallo disseta e borgo chiude,
danza saio e spirto assente,
invaso lacrime accende

e su e giù, per longa via,
corre marmitta
e dolce vita, tento

*

misantropia, aguzza in età
mediale, sororale in piena,
teorica più che mortale,
verticale

(ah! dell’infanzia, nascondino
in vanella, visino
e libera per tutti)

appare e dispare, ad ogni
lupanare, mia fiera,
entropia

*

agosto, e marmellata a pelle,
fiumi arrancano vallate,
e mosche ai piatti

(ah, dei temporali estivi
che furon giovinezza,
e poi panchine)

passerà profumo
di briochine e granite,
e verrà consolazione,
mosto

*

per continuare          disarmoniche-convergenze

Giacomo Coniglione è nato a Ragusa nel 1979 ma ha sempre vissuto a Licodia Eubea (Ct), un piccolo paesino adagiato sul declivio nord-occidentale dei Monti Iblei. Attualmente lavora a Torino. Nel 2007 ha pubblicato la silloge “Capolavori d’inutilità” (ed. Il Filo). Pubblica su internet con vari pseudonimi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...