Abele Longo/Poesia

Abele Longo: Treno

kline-train

by Franz Kline

pianto urlo
in suono di lamento
quando l’impeto dello schianto
attraversa il ferro serrato
Danae d’istinto stringe il figlio
forte al petto il rombo
nell’aria gracile le ossa
la maglietta d’estate

Se sapessimo figlio cosa temere
se la quiete del giorno sotto al lutto
inscenato con parole convulse
quasi a trovare riconoscimento
se agli occhi degli altri o dei potenti

Passerà anche questa con l’insolvenza
delle cicale sotto la calura
l’immagine sgualcita di un bambino
esile con capelli girasole
che prende il treno per il mare
e una chiusa sulla morte che vaga
casellante da una stazione all’altra

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...