Gli angoli (aprono i loro acuti per ingoiarci) – Sebastiano A. Patanè Ferro letto da Doris Emilia Bragagnini

Sebastiano A. Patanè Ferro

Qualche parola per dire dell’impressione, sensazione ricevuta alla lettura della silloge di Sebastiano A. Patanè Ferro. Leggendo, o meglio, percorrendo piano, a volte tornando sui miei passi per rivivere il momento trascorso tra i versi (a farsi più chiaro dentro di me o per il solo piacere di riprovare l’emozione), dovessi salvare delle piccole note sul taccuino immaginario dei poeti che vado avvicinando, per Sebastiano A. Patanè Ferro, citerei almeno questi punti: il giallo, il vento, eventi naturali, assenza, distanza, precisi non luoghi, oggetti d’uso quotidiano”. Questi gli appigli su cui poggia la fine (ma solida) ragnatela, dove il poeta muove le sue atmosfere. È una felice melodia quella che sale dalle sue parole. Tutto risulta armonico, fluido, naturale. Anche i concetti meno immediati pare sappiano sciogliersi, attraverso consecuzioni e accostamenti che sembrano nati sì a nuovo ma in modo quasi atteso, come prosecuzione di un’elaborazione intuitiva operata sul connubio dettato dall’esperienza fusa con la rivisitazione emotiva, alterandone l’evidente presenza a se stessa, dilatandone il significato, in modo da renderlo baluginio capace di rispondere alle interrogazioni più ampie dell’uomo (non solo personali). Nella silloge “gli angoli aprono i loro acuti per ingoiarci … ” nostalgia, solitudine, malinconia, ammantate di luce soffusa, contemplativa e calda (il giallo è un colore che ricorre tra i versi), l’animo si esprime attraverso riflessioni che si avvalgono di geometrie e rapporti spazio tempo stranianti, un susseguirsi di messe a fuoco e successivi allontanamenti in maniera che il passato e il presente coesistano, si compenetrino al punto da fornire una mappa credibile per raggiungere quel luogo del sé dove nulla è andato perso, nulla è perduto.

Doris Emilia Bragagnini

 www.inmondadori.it

 

*

Poesie dal libro “ gli angoli (aprono i loro acuti per ingoiarci) ” 2013edizioniSmasher.

 

 

Le parole

 

Le parole, le più vere

muoiono nelle pozzanghere gelate del mattino

ma ho sempre un angelo

da posare piano la sera, nessun nucleo

e dodicimila traiettorie verso una sola vibrazione

 

Adesso, da sotto la curva dei muri,

posso solo attendere la marea

e non importa se spezzerà i cristalli

di tutte le buonanotte perché

solamente il soffitto sa del sacrificio

 

e la mia carne

 

 

# 7 dell’assenza

 

restano i girasoli a ricordarmi il giorno

affonda la chiglia nell’attesa ed è notte, solo notte

sull’argento degli ulivi sulle smanie di maggio

fin dentro i pluviali dove si nascondono le distanze

 

La bruma assale i marciapiedi e cerca fughe nei bidoni

fra crudeltà ingiustizie e decapitati esempi

mentre batte il tempo un giallo rarefatto

ed un bicchiere si apre ancora di veleno

 

Un nugolo di ore migra verso est

e tu di lato cerchi nei miei occhi chissà cosa

 

 

[era un tempo, una puntata]

 

era un tempo, una puntata

carta regalo lampada a muro microonde

sotto la finestra una via, una di quelle che portano vicino

appena dietro il cuore e da lì ti vedo ancora

e da lì ancora ti sento cantare (piano) quella canzone di Paoli

croce di carne tatuata su quella costola mancante

 

             eri il giallo della stanza l’odore tutto la sferzata di vento

             che apriva le mie braccia

 

e se penso ai volteggi alle risa e le grida soffocate

appiccicate ai muri…

brindo col mestolo al piano liquefatto di cui noi uniche molecole

 

               resta ti dissi

 

 

# 11 dell’assenza

 

è necessario che mi rivolga a qualcuno per sapere di come

si apre una vertigine viola di parole glorificate poi nella frammentazione

è necessario che sappia dell’avvenimento post osservazione

di come soffrono tutte le ali costrette dietro le pieghe della norma

e di come poi si svolgono, vedi, senza neanche tanto clamore

 

Il senso di appartenenza si dissolve col medio grigio

e sembra che non resti nulla a comparare i numeri

Gli spigoli ormai binari… non fanno nemmeno parte del mio paesaggio

eppure da me partono e tornano come in un tour

attraverso il canyon di queste riflesse somiglianze

Se avessi il tempo in tasca direi – apriti sesamo –

e le stelle si disporrebbero diversamente, forse

come le mimose in un vaso ossia come le assenze attorno a me

 

Dirò che sono stato altrove ingannando ulteriormente i luoghi dove andrò domani

 

*

Sebastiano A. Patanè Ferro nasce a Catania nel 1953 sotto l’acquario di febbraio. Fin da giovanissimo coltiva la passione delle lettere che comincerà a sviluppare con impegno negli anni ‘80 quando fonda il centro culturale e d’arte “Nuova Arcadia” salotto di poesia e sede di numerosi reading. Nel 2010 la Clepsydra Edizioni di Anila Resuli pubblica la raccolta “Poesie dell’assenza” in formato E-book. Presente anche nell’antologia “Fragmenta” del premio Ulteriora Mirari, organizzato e gestito dalla Smasher Edizioni. Nel 2011 traduce Concha Méndez Cuesta, Delmira Augustini e Miguel Hernández ma pubblicherà solo la Cuesta su WSF, Blog collettivo ideato e gestito dall’amica Antonella Taravella. Nel Giugno del 2012, un incidente stradale, per la sua gravità ed anche per le conseguenze disastrose sul profilo economico, lo tiene bloccato e lontano dall’ambiente artistico per quasi un anno. Ciononostante riprende e completa “Ho incontrato un angelo”, un racconto autobiografico scritto nel ’92. Sempre nello stesso anno scrive “Del tempo che si muove appena” un volume di poesie che raccoglie diverse espressioni del poeta che vanno, dal sociale, alla poesia d’amore. Nei primi mesi del 2013 scrive “Marta” il racconto biografico basato sulle vicende del ’74. Attualmente, sue poesie sono rintracciabili su diversi autorevoli blog tra cui Poetarum Silva, La stanza di Nightingale, Il giardino dei poeti, Larosainpiù e Neobar. Gestisce due blog di poesia contemporanea: “Le vie poetiche” e “La casa senza tempo”, oltre ai suoi blog personali quali “La cava della parola” e “Sciaranera”.

 

5 pensieri su “Gli angoli (aprono i loro acuti per ingoiarci) – Sebastiano A. Patanè Ferro letto da Doris Emilia Bragagnini

  1. Queste poesie sembrano strutturare uno spazio e un tempo colorati e vibrani, coi punti di fuga che a volte si trasformano in voragini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...