Maurizio Manzo/Poesia

Maurizio Manzo: Quartine squartate

 

southbankcentre uk

1

 

 

A cavallo

            dondolo

perdutamente

            sfrenato

 

Intero

            parzialmente

scremato

            bolliva

 

Assicurata

            ops raccomandata

di tacco

tabacco sul tav

 

No tav

            no carne

no pesce

            né

 

Sul finire

            boccheggia

la luce

            la reggia.

 

 

 

*

 

2

 

 

Accanito

            il fumatore

scossa

            e scorza

 

di’ che ti piace

            prima

altri no

            network

 

appesi

            clinicamente

cronica

            cranica

 

in gara

            in tanica

tunica

            sul filo di lana

 

per certo

            ascolti

guardi

    divaghi.

 

 

 

 

*

 

3

 

 

Quadro

            più a destra

profondità

            caduto

 

inusitato

            il gomito

ventre

            ti chiudi

 

hai smalto

            denti

unghie

            mangiato

 

lenta

            digestione

l’ustione

            il sole e il mare

 

anche le ore

            smosse

abbandonate

       attendere.

 

 

 

 

*

 

 

4

 

 

Ho saputo

            persa

prima

            soffiata

 

togli anche

            nel buio

ricresce

            la luce

 

eri lì triste

            gramigna

in festa che

            ghirlande

 

hai scelto

            voltato

rincorrevi

            guardava

 

le dita incastrate

            nell’aria

inciampata

    scioglieva.

 

 

 

 

*

 

 

5

 

 

Calda

            gallina vecchia

giuggiole

            buon

 

stopposa

            mi areno

neanche il tempo

            scorre

 

tracotanza

            vivi

e lascia

            altri

 

muovi le dita

            le stesse

nel naso

            graffiano

 

incagliata

            sputazzi

parli

sputazzi.

 

 

 

 

*

 

 

6

 

 

Sul collo

            spellato

solleva

            salta il callo

 

appare prima

            dopo il respiro

il filo

            la roba

 

le scale

            di rientro

non poggia

            il tallone

 

tenera la

            distesa

girare persa

            nel cerchio

 

oggi sembra peggio

            passato

la nostalgia

            i pomodori.

 

 

*

 

7

 

 

Fugate

            non solo

pianelle

            i piedi scalzi

 

i falchi stesi

            dentro il sole

la vita

            il melanoma

 

di tutta un’erba

            la luce

ti copre

            pretende

 

demolire

            infine

il tuo contesto

            detesti

 

diresti poi

            baciare

vociare

            per dio.

 

 

*

 

8

 

 

Il maestrale

            lame

di filo

            di derma

 

alcuni anni eppure

            spessi

marginali

            ricamati

 

fosfati

            poli

distratti

            il quotidiano

 

una sera

            una notte

una mattina

            devolute

 

valuta tiene

            il fermo

disossato

            accosti.

 

 

 

 

 

*

 

9

 

 

Richiamare le gambe

            carpiato

in terra

            arpionato

 

cristo

            le spine

non spingono

            i solitari

 

precipitare

            un po’ mollare

tanfo

            più del tonfo

 

disgrega

            non corregge

diminuito

            svilito

 

il sogno

            rincorre

il vento

            sorregge.

 

 

 

 

*

 

 

10

 

 

La seppia

            consumata

parlavi

            d’un fiato

 

alle trombe

            alle macchine

allo stadio

            allo specchio

 

rifilato

            lo sguardo

rincorreva

            anche seduto

 

il cerchio

            senza lucchetto

perfetto

            prosegui

 

di sbieco

            riecco

il cielo

  eccome.

 

 

*

 

 

11

 

 

La molletta

            da labbro

a slabbrare

            il bucato

 

questo in giornata

            forata

giurata

            e poi la fine

 

il resto

            mancia *

uguali

            d’odore

 

non rifondo

            cieco

fiordo

            bordo

 

scheggiato

            anche l’occhio

che mi guardava

spaurito.

 

* mancia = macchia – (sardo)

 

 

*

 

12

 

 

Marea

            mai ignota

antiruggine

            duodeno

                  

che scaldi

            alti i vetri

trielina

            lenitiva

 

sul banco

            arabico

cento per cento

            riscaldato

 

la catena

            del freddo

dop

            doc

 

eccomi

            di origine

controllata

    immobile.

 

 

 

*

 

13

 

 

Glutine

            anche inguine

linguine

            impasto

 

il casto

            infuriato

cariato

            puzzava

 

a peste

            a paste

a pastis

            divenivi

 

smesso il sole

            indossi la luna

eppure

            pendevi

 

su tutte

            le  labbra

manco a dirlo

            a farlo.

 

 

*

 

14

 

 

Mentre

            già

ornava

            dimenticato

 

il sentiero

            gonfio

di reni

            spezzate

 

piante

            carboncino

disegnava

            dissipato

 

sincopato

            anche il popolo

danzava

            il fruscio del rogo

 

anche lui

            rogor

nascondeva 

            le foglie al vento.

 

 

 

*

 

15

 

 

La terra

            mangia

se stessa

            indigesta

 

angina

            sospetta

la vita

            non la guarda

 

risale

            in parte

non chiedeva

            stare

 

da lontano

            eppure

a epurare

            molti e santi

 

il punto

            nasceva

nascosto

            e rotolava.

 

*

 

 

16

 

 

In serie

            si allontana

intravisto

            ai calcagni

 

attenzione    

            l’antiazione

calcifica

            classe e politica

 

la fica

            la gnocca

la patata

            la fregna

 

l’attraversamento

            verticale

simboli         

            da in_crociare

 

se si asciuga

            annulla la scheda

invalida voto

            e scroto.

One thought on “Maurizio Manzo: Quartine squartate

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...