Stefano Guglielmin – Le volpi gridano in giardino (Annamaria Ferramosca)

Pubblicato sulla rivista Poesia, Crocetti,n.285, settembre, pp.56-57

Già apparso su http://golfedombre.blogspot.it/2013/09/annamaria-ferramosca-legge-le-volpi.html

 

STEFANO GUGLIELMIN

Le volpi gridano in giardino

Prefazione di Paolo Donini , CFR, 2013

 

Nota di lettura di Annamaria Ferramosca 

 

Emergere  dalla lettura di questa “anomala” e ricomposta raccolta di canti, in parte già editi, è  forse il verbo che meglio  esprime la mia uscita da un magma vitalissimo che letteralmente mi ha sommerso, come raramente mi succede leggendo poesia contemporanea.  L’anomalia  risiede nella volontà evidente di  costruire un unicum  accostando  esperienze  di pensiero e linguaggio -come  mi conferma l’autore-  che abbiano l’impronta  dell’accoglienza indiscriminata e per questo fertilissima,  perché  il pensiero che muove la mia parola fonda nello stile plurale, perché plurale è la vita. Questo crossover di generi e registri, come rilevato con acutezza anche da Paolo  Donini in prefazione,  è  superamento del cliché della compattezza di una raccolta poetica, necessità di guardare oggi verso un più largo orizzonte cognitivo-visionario , in un costante e dilatato incontro-scambio di poetiche.

            Così questa  scrittura  si fa materia cangiante, poliedrica, ribelle, civile. Capace di trasmettere, per esempio, da un versante, lo stupore di fronte all’imprendibilità del femminile, dall’altro la presa d’atto-amara- delle infinite macerie etiche del nostro mondo,  con tutta la ribellione e il carico di un cambiamento a partire da sé.

            Nei Canti dell’Amore Coniugale nessuno-credo- prima di  Guglielmin,  ha saputo trasporre in poesia  una  percezione nuova del femminile di oggi, un’essenza  di donna quieta e sapiente, e insieme una specie di folle naturalezza, quella misteriosa  mobilità che assimila il femminile a creaturalità incontaminata, pur nello scambio di carnalità e pensiero, animale che stagiona e riparte e ancora plana riposa e di nuovo s’invola, mai solo. L’autore capta nell’essenza di donna note mai prima evidenziate in poesia (maschile), che esprimono quella capacità del genere, di saper scomparire facendo  spazio al volo largo della specie, di attraversare con naturalezza la dimensione dell’uno per fondersi in quella corale – oggi più che mai necessaria -, quel suo offrirsi guardingo e insieme generosamente aperto al destino. Tutto questo   si trasmette lungo i tredici  primi  Canti e si concentra mirabilmente nei versi in cui si dice del gesto della compagna nel  suo voler compiacere il consorte chiamandolo poeta.  Riconoscendo così di vivere, lui, la Grande Illusione della poesia con quella massima autoironia che lo eleva e dunque lo elegge poeta.

        Nei Canti Partigiani  la lente visionaria-razionale si sposta sul  male di vivere, quella incomprensibile nostra contraddizione dell’ essere sociali e insieme irreparabilmente a-sociali,  la dimensione grassa dell’occidente( per quanto ancora?), la sozzura della politica dei compromessi e della corruzione, l’incapacità del balzo etico globale, quello di vedere oltre e  lontano, per il bene di tutti. E nell’ultima strofa Guglielmin trova un finale grandioso, nel rivolgersi con ironia anche a colui che lo sta leggendo, nel rimprovero  rivoltogli di poter essere superficiale, dunque non dissimile da colui che mette alla berlina.  Sebbene, subito dopo, in Voglio dire, l’onestà di pensiero fa includere anche se stesso nella folla di coloro che so che la violenza, so che l’ingiustizia… ma non basta se poi confondo patto con inciucio, se parlo con luoghi  comuni…

            Sì, sono stata  esteticamente  attraversata  pure da una lingua che mescola note gergali vivide ad un  lessico pieno, naturalmente raffinato e giusto per questo dire, da un ritmo chiaro, a volte incalzante – personalissima cifra – che risuona in profondità rendendo memorabile  la scrittura. E, come l’autore spiega nelle note,  lungi dal creare simboli-stereotipi,  egli lavora nell’addensare  metafore, che a noi appaiono  incisive come colpi di scalpello sulla statua-testo. La poesia ne risulta emergere in profilo nitido, vero, sulla scena di frammenti  sparsi che non sono altro che il nostro quotidiano di pena e di vuoto.  E su questa frammentazione della realtà e dell’umano, appare fulminante, nel testo Incanto , quell’incipit: Vendo monade con vista.,che sarebbe stato anch’esso un titolo significativo del libro, comprensivo del sarcasmo e-diciamo pure- del  divertimento del poeta, che salva lui e insieme salva anche noi , dall’annegare nel disincanto.

“Eppure la luce tiene in quella melma” dice Guglielmin, ritornando alla donna, figura che continuamente spiazza, dunque ricuce speranza  – senza retorica – mentre il poeta la insegue, spiazzando anche lui  chi legge, nell’offrirgli  quella sua -di lei- parola che distrae, fruga, capovolge, addita. E ancora e sempre, crea.

      Una scrittura che è specchio spietato, totale, della nostra inquietudine del vivere-pensare-comunicare, che appare come modello di una poesia del nuovo millennio, manifesto del possibile canto dell’oggi.

Annamaria Ferramosca

Advertisements

2 pensieri su “Stefano Guglielmin – Le volpi gridano in giardino (Annamaria Ferramosca)

  1. Grazie ad Annamaria per questa nota alla nuova raccolta di Stefano Guglielmin, che rileva elementi importanti della poetica dell’autore. Delle poesie che ho letto, nei link che riporto qui di seguito, mi ha colpito anche il ritmo e la musicalità del verso, il lavoro fatto sulla parola.

    http://viadellebelledonne.wordpress.com/2013/06/06/stefano-guglielmin-le-volpi-gridano-in-giardino/

    http://rebstein.wordpress.com/2013/02/20/le-volpi-gridano-in-giardino/

  2. grazie a te per la dilatazione, Abele. Il libro di Stefano Guglielmin, come ogni libro di ottima poesia, deve essere letto più volte, perché ad ogni rilettura apre a nuove inconsuete visioni sull’attualità e sulla nostra umanità che con essa interagisce. e il tutto avviene mantenendo un costante notevole spessore poetico.
    un caro saluto,
    annamaria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...