Canzoniere dell’amore senza nome di Antonio Fiori

Antonio Fiori
Antonio Fiori

Se per poco
La rue assourdissante autour de moi hurlait
Charles Baudelaire

Se per poco il fragore cessa
si fa dolce la curva della via
sposandosi alla tua, bruna
sinuosa e fresca

Nel silenzio incerto
attendi l’amica
sporgendoti appena
per vederla raggiungerti…

così, nel sogno, anch’io vorrei
raggiungerti
come ogni giorno lei

Da dietro i vetri

Tenti con lo sguardo d’attraversare i vetri
ma dimentichi di rinforzarlo d’estro
d’alimentarlo di veri sentimenti
solo così potrai, forse, vedermi

Quelle rare mattine in cui ti degni
mostrarti ad altri sguardi e in piedi attendi
chi deve accompagnarti, quelle mattine, sappi
che io soltanto, da dietro i vetri a specchio
ti vedo per minuti interminabili

Prima del tuo arrivo

Prima del tuo arrivo s’apre la chiesa

Qualche volta mi tenta, entro
e per un po’ non ti penso
prego, mi pento

Ma quando esco e giro l’angolo
– ecco, ti trovo
e i nostri occhi in un secondo
si dicono segreti
che loro solo sanno
– noi no, noi non sappiamo
perché, ancora e sempre
in quel secondo
ci guardiamo

Curve

Sono davvero troppe
le curve di ogni giorno
– quella in cui ti vedo
nel sole del mattino
– quella in cui la sera
è casa tua al ritorno
– quella che ti disegna
un solco dal bacino

e poi quella che compio
quando per te m’inchino


Le automobili

A far conoscenza, alla fine, non saremo noi
saranno le due vecchie automobili
che ogni giorno ci portano qui

Per la prima volta, stamattina
hai posto la tua, piccolina, accanto all’altra
seppure a debita, indefinibile distanza

Pronostico un futuro di minuetti e danze
fatto d’impacci e riverenze, di rossori accesi
e motori spenti, sotterfugi e piccoli dispetti

Ma un bel giorno, son certo, finiranno le attese
– con due macchine nuove, per lo scambio di ostaggi
giungeremo felici in un’area deserta

Amore senza nome

Prova e riprova fu trovato un nome
certo di comodo, non sapendo quale
per lei fu scelto dalla madre e il padre

Ed ecco Bruna, per poterne avere
qualche notizia senza insospettire
per raccontarne gesta involontarie
in altre stanze o in gite straordinarie
– ma resta sempre amore senza nome
al quale canto sanza alcun sospetto
Catullo, Ovidio, Dante stesso


Equazione amorosa

Partendo dalla forma
pedinerai l’incognita
ne scoprirai la meta
e le darai un nome

Eppure stanne certo
non è la soluzione
– ti manca l’altra incognita
quella che mai sai come
ti accende il fuoco dentro

quella che mal nascondi
nel fondo del tuo verso

Antonio Fiori vive e lavora a Sassari, dove è’ nato nel 1955. Si occupa di poesia da molti anni. Ha pubblicato le sillogi Almeno ogni tanto (a cura di Crocetti ed.1998), Sotto mentite spoglie, Manni, 2002, La quotidiana dose, Lietocolle, 2006, Trattare la resa, Lietocolle, 2009, La strada da scegliere (ebook) Clepsydraedizioni.com, 2009 e In merceria, Delfino,2012. Nella prima rosa dei finalisti al Premio Camaiore 2003, con ‘Sotto mentite spoglie’, Premio Montale Europa 2004 per la silloge inedita, Menzione di merito al Premio Lorenzo Montano 2008, segnalato al Premio Turoldo 2010. Suoi testi sono presenti in riviste e antologie di poesia (tra le più recenti: ‘Antologia della poesia erotica contemporanea ’, Atì Editore, 2006, ‘Il corpo segreto ’, Lietocolle, 2008 e ‘Rosso’, Lietocolle, 2010). Suoi testi sono presenti su ‘L’immaginazione’, ‘Gradiva’, ‘Il Segnale’. ‘La Mosca di Milano’. Si sono occupati della sua poesia, tra gli altri, Amedeo Anelli, Roberto Concu, Franco Fresi, Giorgio Linguaglossa, Angelo Mundula, Giovanni Nuscis, Massimo Onofri e Margherita Rimi.

Advertisements

5 pensieri su “Canzoniere dell’amore senza nome di Antonio Fiori

  1. Grazie ad Antonio Fiori, e a Pasquale per averci proposto queste liriche molto belle. Un dettato armonioso e calibrato che si fa riflessione sulle “equazioni” dell’io, la vita, le cose che ci sfuggono e la poesia s’incarica di cercare.

  2. Ringrazio Abele Longo per le belle parole. La poesia amorosa, si sa, è la più insidiosa, dove è più arduo mantenere l’equilibrio tra lo stupore (essenza ultima della poesia) e la fedeltà agli accadimenti (spesso prevedibili e comuni anche in amore), tra il cerebrale e il ‘celebrare’, tra la carne e l’anima, tra il dire e il non dire…

  3. vero, la Poesia Amorosa, oltre a ciò che Longo e Fiore hanno ben evidenziato, può scivolare verso certa retorica del banale ma qui trascesa in forme poetiche raffinatissime, che potenza ideativa possiede a. Fiore!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...