Vincenzo Errico, tra fritti, cartoline e ribaltamenti (Augusto Benemeglio)

vin

 

Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. (M. Proust)

1.    Fritti

Metti una sera di metà giugno a Roma-Eur, al Villaggio della Cultura, dopo l’incontro con  Abele Longo, il gentleman anglo-salentino e  la sua Reversibilità

(c’è uno straccio e un coltello contro il toro della paura, /c’è un cigno e un sogno dentro i miliardi di molecole di un sospiro”); metti  una trattoria romana tipica, “Checco allo scapicollo”, con tutti asiatici a servire e cucinare , tranne una  cameriera ucraina; metti  che tre “salentini anomali”, Abele , io e Vicenzo Errico, poeta di “Culo Pazzo” dotato di seria ironia   (“Sempre cerco altro/ rispetto a quello che vivo,/come uno che negli agi/ più non li conosce”)  vanno a farsi una pizza, odore di  fritto, ironia e un pizzico di malinconia. 

Vincenzo avrebbe dovuto ordinare i Fritti della sua silloge (Quante notti a muoversi e non dormire,/sotto lune di gradi diversi,/a sperare strategici piani,/ progetti sociali di una base imperfetta/ che sogna assemblee nazionali./ E poi donne che muovono mondi,/ relegate a domestici regni,/ mostrare le loro fortezze/ anche sotto spoglie smentite.), invece no. Ordina pizza come noi, ma con le verdure che  salvano  il colesterolo e “riempiono  le memorie”.

 Con quella faccia un po’ così, da antico messapo  sorridente, il segno indelebile che c’è rimasto sul suo viso olivastro, la luna  sghemba di Collepasso che va sempre per altri cieli, i faticosi studi  di giurisprudenza  a Urbino, città modello rinascimentale,   i fiumi d’inchiostro  versato nei lunghi viaggi con trenini  da Far West, le maree di carte da bollo listate a lutto, per quella storia da avvocato fallita o  mai veramente nata,-  storia diversa di gente normale,  storia comune per gente speciale, storia un po’ sputtanata, storia sbagliata, come direbbe De Andrè, – Vincenzo è ora uomo impassibile, non batte ciglio, sorseggia una birra fredda alla spina, e snocciola un’altra poesia: Strade di un centro abitato/ strette tra case piene di aperture,/linee che si insinuano/ nelle familiarità degli altri./Così mi apro allo sguardo del mondo,/in un labirinto pieno d’inganni,/e mi muovo tra un deviare/ e un proseguire./A filar la lana del lamento/si arriva ad avere coltri calde di tristezza.

Il filo  messapico  non s’è mai spezzato, ma ora viaggia ride e vive con un suo ordine discreto nel cuore, non è impigliato nei lacci delle anime oblique , non vuol guarire i ciliegi feriti, né continuare a sopportare e a sanguinare, facendo l’avvocato per clienti già condannati, per applicare codici  già violati. Vincenzo  ormai s’è romanizzato, burocratizzato. E’ più di vent’anni che sta nella Roma Capitale e lavora in una scuola pubblica come segretario delle Nuvole  aristofanesche  ( “Cantami di questo tempo /l’astio e il malcontento/ di chi è sottovento/ e non vuol sentire l’odore/ di questo motore/che ci porta avanti/quasi tutti quanti”). Dentro di sé  li ode  ancora quei giorni  passare dentro e fuori la memoria , ma non si torna  indietro ( In dietro si torna dove casa è seconda,/ pieni di fumo di camino della prima,/ di legna d’ulivo che arde a oltranza/ e verdura a mazzi che riempie la memoria).

Sparsi frammenti obliqui – scrive Mannaja –  di cui s’avverte  il profumo che “coseggia” nell’aria, la “madonna con il colpo della strega”, il  vetro di luna , il nudo movimento del viaggio, e il fluire dinamico della parola e dei pensieri che talvolta fa da ossimoro … il tutto condito con un sorriso a tratti amaro, una sorta di  trattato filosofico in doppio petto.

2.Fuori sequenza

Vincenzo Errico sta a metà tra il Bodini della terra di nessuno  e il Kavafis  delle seduzioni della storia e della cultura, incrocio tra esperienza e riflessione, una sensibilità e una sensualità che attira, che innamora, che cattura il lettore, trasforma  le sue reazioni in riflessioni.  E poi  con quel suo arrampicarsi su se stesso, con  tutte le sue energie, dolci e forti, non maschili, non femminili, ma vigorose e tenere che incarnano azioni, diventano destino individuale e storia. Sta lì nel regno della sua solitudine per mistificare o sublimare le insopprimibili  emozioni personali, l’inafferrabilità della bellezza,  e la storia vista solo come terreno di scontro tra l’uomo e la sorte, evocata in una  sorta  di  film, in sequenza di immagini talora decadenti, dove si vivono solitudini  simultanee, percorsi da anime perdute,   tra  ironia  e malinconia, disincanto  e  stoica austerità.  Il suo interesse per la letteratura e la   poesia è molto datato, risale all’incontro  col professore Aurelio D’Andrea, fratello del poeta Ercole Ugo, quando era un ragazzo,  faceva il liceo e sognava un cavallo d’argento  per andarsene  a spasso come un indiano nei suoi colli antichi, Collepasso, Parabita,  Tuglie , fino alla piana di Alezio e poi, infine, a Gallipoli, la città bella, il mare, la luce infinita e i tramonti insanguinati sul mare. “Cos’è l’eternità? Il mare mescolato al sole”, disse Rimbaud, il suo poeta preferito, ci fece anche una tesina per la maturità. “Il battello ebbro”, una stagione all’inferno, le illuminazioni, e infine il deserto, il commercio d’armi, la morte per una cancrena ad una gamba, accanto la sorella …Il più grande rivoluzionario della poesia  con Baudelaire, anche se c’è nella sua cifra domestica e nei suoi costanti esili della coscienza un che di Scotellaro   (E’ tempo questo di un canto vivo) . Anche lui, Errico da Collepasso, è un tipo “fuori sequenza”, mi dice Abele Longo, che ha perso l’accento salentino , a differenza di Vincenzo, e lo conosce da tempo. E’ un tipo strano, un tipo acqua e fuoco, con un suo universo sonoro, senza musica registrata, un tipo che naviga e sogna nella materia vivente, uno da cartoline.

3.    Cartoline

“Che cosa sono le poesie se non cartoline? Come le cartoline parlano di luoghi, anche se spesso immaginari, remoti o soltanto della mente. Come le cartoline eleggono un interlocutore privilegiato, destinatario dei nostri rovelli, paure e confessioni”.  Ecco allora Istanbul, con le sue moschee grigie da sangue e pelle , imprigionate , che non possono più volare , ecco il muezzin che canta  la  colonna vertebrale spezzata : “E di Istanbul che dire/ se la santa sapienza,/velata moschea, tarda a tenersi perfetta,/ coi fumi d’incenso/che più non si vedono/ e frammenti di volto divino riflesso?// Colonne spezzate/ ai lati di strade,/su marciapiedi erbosi, al bivacco di vecchi/ che giocano a carte,/ in ozio speciale.  Poi Vienna, chiusa nel suo cielo pioggia, nel freddo delle sue strade  senza alberi e senza serpenti.  E il “Bar delle mutande” (dove) ci incontrammo,/ non era un richiamo, ma uno sbaglio./ Tu eri sui gradini della chiesa di Alessano,/ io al bar a Montesardo./ Contrattempi riequilibrati su altri gradini/ a raccontarsi del passato ieri,/di come l’estate abbia sfoggiato il suo teorema senza i cadaveri degli anni prima. “Vincenzo è un compagno di viaggio.  Ma è un viaggio  che ci sfugge, soprattutto nel caso di uno come lui,  fedele al suo sguardo luminoso e sornione allo stesso tempo”. Eh, sì, è vero. Errico ha una sua forma, una sua spina dorsale, una sua storia personale da congedo irrimediabile, senza riscatto, senza consolazione, con un suo gioco dinamico, un ritmo particolare, interno che somiglia ad una sciarpa cincischiata e manipolata a caso. “Piove /una sciarpa/ e mi bagno”. Il mondo non si interpreta o si trasforma: va in decomposizione.

4.    Ribaltamento

“Vincenzo – continua Abele – utilizza magistralmente la tecnica dello spiazzamento, del ribaltamento, che serve a creare un certo straniamento, necessario per riportare il mito (l’infanzia) alla sua quotidianità, per poi allontanarsi dalle nostalgie canaglia, dalle  facili tentazioni/cadute nei luoghi di sempre”.

Per concludere possiamo dire che la sua poesia è la solita canzone  di tutti quelli che hanno perduto la terra (gli esiliati, gli zingari, gli immigrati) e cantano lo spazio , il mondo: ci sono incontri nello spazio che ti sorprendono ogni giorno, ogni istante e ti trasformano , e trasformano chi legge le sue parole.  Il suo segreto non sta nell’agire, ma nel “reagire”. (“La piccola che ho a casa/ ha un naso delicato e occhi incantati/che guardano dentro le cose/ che non vede bene.//Ama ciò che ha e ciò che non ha più,/fuori dal tempo,/ come il mio ricordo di lei nello scialle blu,/una sera di ritorno a casa / con mio padre e i miei sette fratelli”).

Alla fine possiamo concludere , come qualcuno ha osservato, che è una poesia che sa stare coi piedi per terra, e che pure si eleva alla grandezza assoluta della vita comune.

 

Roma, 21 giugno 2013                                    Augusto Benemeglio

https://neobar.wordpress.com/2010/03/21/vincenzo-errico-fritti/

https://neobar.wordpress.com/2012/12/21/vincenzo-errico-cartoline/

http://taccuinoblu.wordpress.com/

10 pensieri su “Vincenzo Errico, tra fritti, cartoline e ribaltamenti (Augusto Benemeglio)

  1. Della stirpe regale di chi sceglie e pratica l’understatement, la scrittura di Vincenzo Errico conforta e affianca, compagna di viaggio dal sorriso sornione e benevolo, la pazienza quotidiana. Quando poi, come ben narra qui Augusto Benemeglio, all’incontro con la scrittura si aggiunge quello con la persona, la voce, lo sguardo, lo “snocciolar poesia”, al Salento e a Roma e al deserto

    “La mia sceneggiatura
    chiede soggetto e tempo,
    non si fa da sola
    e nel deserto
    inneggia a sé”
    (Vincenzo Errico, da “Fritti”)

    subentra, facendo capolino, il girovagare discorrendo del circolo Pickwick. Ed è festa.

  2. Che “bomba a mano” di/con fuochi d’artificio a festa che mi hai lanciato, Augusto! Grazie infinite, infinitesimali sillabe raggruppate a comporre un imbarazzo che osa mostrarsi in faccia, alla fine e con intensa riconoscenza. Attenzione a mangiare una pizza con Augusto! Ho letto questo ritratto, e sei grande in questo, come se riguardasse un mio omonimo, un sosia a sorpresa del qui sottoscritto che ha letto e riletto il sopra-detto, scusa la caduta, ma inciampo spesso. Evito però (come direbbe Mr. Weller del Circolo Pickwick dell’argentina Evita quando non se la sente di ridipingere di verde la Casa Rosada) di sezionare il mio grazie, facendolo in realtà, per ogni passo e passaggio del tuo “racconto”. Passo perché saprei dire solo una brevissima declinazione della parola grazie. Maestro sei nel mettere insieme i pezzi (anche quelli che mancano) delle storie che canti.
    Ringrazio Abele, Simonetta, Fernando, Doris, Anna Maria, Francesca e tutti quelli che hanno “perso” tempo a fermarlo, un pò, qui.

  3. Vincenzo, ahi ho perso, oltre alla bellissima serata di Reversibilità, anche i tuoi Fritti detti dal vivo (ma li leggerò su carta!) e la pizza salentina. In tanto ti ho letto con gusto attraverso l’affabulazione di Augusto il Grande, nostro salentino che più non si può pure se di adozione, che fotografa e restituisce le minime tracce del “sale ” sulle nostre fronti, con un incanto indescrivibile. grazie grazie a tutti voi di esistere, dando questa sapidità al mondo. vi abbraccio,
    annamaria

  4. Mi è piaciuta da subito, sin dalle prime volte che ho letto i suoi versi, la poesia di Vincenzo, e questa bellissima recensione di Augusto ne riassume alla perfezione senso e ampiezza.
    grata anch’io che ci siate.
    vi abbraccio
    cri

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...