Maria Grazia Trivigno/Musica/Riflessioni

Maria Grazia Trivigno: La musica e le partenze

Accettura (MT)

Ti svegli il mercoledì mattina e ti sembra di non ricordare esattamente chi sei. Sbuchi in piazza ma il paese non è più lo stesso di poche ore prima, è sparito tutto. Il dubbio e il sospetto vengono spontanei, che nello spazio di poche ore centinaia di omini si siano messi all’opera nel buio, smantellando e dando una ripulita ad ogni cosa. Ma ciò che è più inquietante è chiedersi dove siano finite tutte le persone. E dove sia finito il sole.

Il senso di malinconia che provi dopo la festa svela forse il tuo animo immaturo di bambino- sei in buona compagnia, mi sento così anch’io. Immaturo perché lo sai bene che dopo la festa il paese torna se stesso più che durante la festa. Però di costanti ce ne sono, con o senza festa. Due su tutte: la musica e le partenze. Mi piace ripetere con allegria e orgoglio, anche ai miei amici forestieri, rigorosamente in dialetto, “Koss jè u pays d’ l’ tarantel”. Ed ecco l’ennesima prova, lunedì notte. Tutti ancora un po’ esausti per la faticata di domenica, stavi per avviarti verso casa, sotto le luci ormai spente delle installazioni perché a una certa si chiude, bisognerà pure dormire qualche ora per esser freschi per il martedì, che pure è giorno pieno.

E invece, meravigliosamente, siamo alle solite. Ti attira la musica e il brusio, perché in piazza del Popolo inizia a raccogliersi la folla per uno spettacolo improvvisato. Cambi direzione. Come te tutti gli altri, rapiti dal sortilegio. Ti avvicini perché non ne puoi fare a meno, perché quella musica è magnete. Tutti attorno, in un cerchio pulsante di energia incassato tra i mattoni della piazza e il monumento agli emigranti. Forse non ci hanno manco pensato troppo, ma a me la scelta di quel posto non pare mica casuale.

La smorfia di dispiacere di quei giganti bianchi con le valigie pronte per partire, che da decenni dominano la piazza, è tutt’uno con la musica che si sprigiona potente ed euforica alle loro spalle. Non è un contrasto: ciò che è dietro spiega ciò che è avanti, perché chi parte lascia tutto questo. Chi parte si porta dietro tutto questo, l’ho proprio visto, fisicamente. Irrisolto il grande dilemma: se la scelta più coraggiosa sia di chi parte o di chi rimane.

Ti alzi un po’ sulle punte perché la gente inizia ad esser tanta, cerchi di sbirciare i visi dei musicanti tra gli spettatori che iniziano a muoversi, a portare il ritmo con i piedi. Non solo, non tanto perché si ascolta con gli occhi, ma perché è bello osservare quei visi su cui sforzo e piacere sono una cosa sola. Vene turgide sui colli di quelli che seduti per terra si sgolano a cantare. Mani instancabili sprigionano ritmi di sempre. Iniziano a girare bicchieri di vino. Qualcuno inizia a volteggiare, e si sa come andrà a finire. Era solo questione di appiccare il fuoco alla miccia.
E si va avanti così, fino al mattino.
Maria Grazia Trivigno

Monumento all’Emigrante, Piazza del Popolo (Accettura)

2 thoughts on “Maria Grazia Trivigno: La musica e le partenze

  1. Grazie a Maria Grazia Trivigno per questa testimonianza che allarga lo sguardo su di un Sud pulsante contrapposto a un passato “monumentale”. Maria Grazia parla della festa del maggio di Accettura, cittadina che grazie a Luciano Nota avrò presto modo di conoscere. Il dilemma che ci viene posto è grande come un macigno: “se la scelta più coraggiosa sia di chi parte o di chi rimane”.
    Abele

  2. scrittura elegante con un interrogativo ben posto da abele: “”Il dilemma che ci viene posto è grande come un macigno: “se la scelta più coraggiosa sia di chi parte o di chi rimane”.
    Abele””, difficilissimo e forse impossibile rispondere, peraltro ricordo che, a fronte della facilità con cui noi meridionali facciamo valige per recarci al nord, il contrario resta desueto per cui, appunto, ricordo una bella persona del profondo nord (germania) che, nello stabilirsi a neaplis (abitava nel pieno centro grecoromano), ci e mi comunicava di sentirsi a “sud dei tanti sud” e da perfetta Donna che avvertiva di essere posseduta dai demoni della gran madre del mediterraneo…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...