Incipit (Flavia Schiavo) – John Ball, La calda notte dell’ispettore Tibbs

 


John Ball (1911-1988)
La calda notte dell’ispettore Tibbs

Alle tre meno dieci del mattino, la città di Wells appariva deserta, nel caldo opprimente. La maggior parte dei suoi undicimila abitanti si agitava senza posa nei letti, e quelli che non potevano dormire imprecavano contro l’afa soffocante della notte, che nemmeno la brezza più lieve veniva a mitigare. L’afa del mese d’agosto, caratteristica delle due Caroline, pesava greve nell’aria.
La luna era tramontata. Poche lampade non schermate, nella strada principale, dov’erano i negozi e la zona degli affari, gettavano ombre nere sulle facciate delle botteghe chiuse, su quella dell’unico cinema superstite e sul silenzioso distributore di benzina.

*
In the Heat of the Night
At ten minutes to three in the morning, the city of Wells lay inert, hot and stagnant. Most of its eleven thousand people tossed restlessly; the few who couldn’t sleep at all damned the fact that there was no breeze to lift the stifling effect of the night. The heat of the Carolinas in August hung thick and heavy in the air.
The moon was gone. A few unshaded street lamps in the main business area pushed hard shadows against the closed stores, the surviving movie theatre, and the silent gas station.

http://www.sellerio.it/it/catalogo/Calda-Notte-Ispettore-Tibbs/Ball/734

Annunci

2 pensieri su “Incipit (Flavia Schiavo) – John Ball, La calda notte dell’ispettore Tibbs

  1. L’Incipit è la parte più importante di un romanzo. Ha il compito di catturare fin da subito il lettore e di fornire, in poche parole, l’ambiente in cui si svilupperà la storia. Alcuni incipit sono ormai leggendari, racchiudono tutto un libro anche per chi il libro non lo ho mai letto; due che mi vengono in mente, quello di Lolita di Nabokov (“Lolita, light of my life, fire of my loins”) e di Moby Dick di Melville (“Call me Ishmael”)
    Avremo modo di leggere un incipit per settimana, seguendo un percorso di inizi, soffermandoci sui luoghi, immaginari e no, che un incipit crea, alle sensazioni e alle aspettative che innesca.
    Gli incipit sono stati raccolti da Flavia Schiavo, che ringrazio di cuore. Flavia è docente presso il dipartimento di architettura dell’Università’ di Palermo, ed è autrice di ‘Parigi, Barcellona, Firenze – forma e racconto’ (Sellerio).
    Abele

  2. che raffinatezza incredibile questa idea degli incipit! suggerirei alla prf.ssa F. Schiavo quelli incredibilmente fascinosi di kafka, joyce.. in ogni caso un saluto all’amico a. longo e un invito alla docente a ex libris..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...