​Maurizio Manzo: Ionelse il fantasma

Neobar – eBook n.10

Paul Nash

maurizio manzo – ionelse il fantasma

Annunci

8 pensieri su “​Maurizio Manzo: Ionelse il fantasma

  1. Il “giovanile” di questa raccolta di Maurizio Manzo va inteso nel senso strettamente biografico. I versi infatti vanno oltre l’eta’, arrivano nella loro compiutezza stilistica come variazioni/riflessioni sul tema dell’urgenza per chi scrive ( e da giovani soprattutto) di avere un interlocutore, un altro (se stesso) in ascolto. Di giovanile, il poemetto, non ha la fede nella parola, qui messa spietatamente in discussione con il piglio e la freschezza del dettato. Per il resto, le poesie non sono che fantasmi, questioni irrisolte e lasciate in aria, bisogno di lasciarsi dietro un prolungamento.
    Abele

  2. Il fantasma è muto e stante. Lo circondano parole che sgranano tutte le tonalità della tavolozza per un canto “zutique” che è un crogiolo formativo. Il silenzio del fantasma è anche il punto d’arrivo ben chiaro già dalla citazione di Rimbaud
    (che per me , dopo tanti anni, è ancora l’alfa , l’origine e il proseguire di una passione).

  3. Grazie Abele per questo eBook, il decimo di Neobar, dieci è sempre un bel numero…:)
    il prolungamento è quel che ci sembra un rilascio, un distacco ma ci consente un legame continuo con noi stessi…

    Carla, I’ te vurria vasà…:)
    grazie per “l’ascolto” del “canto” e del segno che lasci…

    Giancarlo, i tuoi commenti sono come le tue traduzioni, aggiungono luce e splendore…:)
    mi piace poi quest’affinità, l’origine e il proseguire…grazie per la lettura!

    un caro saluto

    mm

  4. bello. m’è venuto da chiosare: c’è più vero nel velo che nel fantasma (o nel male che nel buio).
    una compenetrazione ricorsiva fin dal nome “io nel sé”. un ripiegamento del foglio scritto che ha qualcosa di embriogenetico (ectoderma, mesoderma ed endoderma) che puzza di pensieri andati a mare (“la tromba del mare”, “il tamburo del fondale”) e che viene alla luce rompendo le acque (“tutto si bagna”): ecco il feto innaturale dell’immobilità mentale che an-nega il tempo. tipo una funzione d’onda, dove non c’è uno spostamento velo, ma solo un’oscillazione di monologo attorno a un punto che comunica energia (“osserva l’alone che lascio, appena m’alzo”… il punto di contatto dell’e-retto all’infinito). è allora che appare il soliloquio della risacca. amara. amare le pietanze e il pasto nudo (scomodo galleggiamento dell’umano, gettato fuori bordo dopo un pasto in barca).
    davvero notevole e urticante, ‘sto ragazzino…
    : )))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...