Narrativa/Pierpaolo Perrucci

Primaporta – Pierpaolo Perrucci

Pierpaolo Perrucci

Ciao amò!

Sapessi com’è cambiato er monno!

Ieri so’ annato a ffà benzina. M’hanno praticamente lasciato ‘n mutanne.

“E’ la congiunzione economica” m’hanno detto. Macché congiunzione! E’ ‘n verbo! Mica ‘na congiunzione! E se chiama: fregà!

Ma no come prima: ‘na vorta coi ladri ce potevi parlà; “guardie e ladri” se giocava da regazzini e da granni. I ladri veri e le guardie vere se rispettaveno, finché ‘gnuno faceva bene ‘r suo mestiere. Se conoscevamo tutti e se volevamo bene, a modo nostro. Mo’ i ladri è come se te fregassero da’a ardilà. Nun ce poi parlà, stanno in paradiso, ne’ paradisi fiscali.

Oppure stanno ar governo. Sì, perché mo’ pure ar governo te fregheno, con delicatezza, come i borsaioli sur 64 da San Pietro a’a stazzione. Scopri de nun avé manco più ‘a casa, quasi pe’ ccaso. Si stai bbene o stai male, nun dipenne manco più da te. L’ha deciso quarcun artro.

Persino co’e partite, decide quarcun artro chi vince. I giocatori e j’arbitri deveno solo ubbidì. A noi d’ubbidì nun ce và e, a’o stadio, pagheno i delinquenti veri p’annacce e pe’ ffà casino a comanno. E noi, che ormai avemo scoperto l’artarini, avemo pure smesso de fa ccollezione de’ figurine de’ giocatori, che so’ troppo ricchi pe’ facce ‘nnamorà, pé facce sfogà a’o stadio e dimenticà tutte ‘e brutture de’a vita. Mo’ li giochi preferiti de’ pischelli so’ d’ammazzà tutti co’ ‘na sventajata de mitra.

A proposito de brutture: ‘o sai che ‘a bionna de viale Angelico s’è ritirata? Beh, da parecchio ormai nun se vede più. Quant’era brutta! Ma i clienti s’erano affezzionati. Ce sapeva fà. E’ cambiata tutta ‘a storia in realtà. Mo’ nun è più ‘a chiaccherata co’a amica, brutta e simpatica. Mo’ so’ tutte modelle de Vogh. Certe stanghe che a noi ce fanno diventà quasi bacarozzi. Ma mo’  l’omini cercano soprattutto ‘a attacco d’adrenalina. Sarà che nun potenno decide più gnemte, je s’è addormentato er cervello e je ce vole ‘a scossa. Se fanno de coca e d’artro e ppoi, sotto ‘e minigonne, sui marciappiedi, cércheno ‘a clava der gladiatore, che ‘sti stranieri c’hanno certi attrezzi, che se li sognamo (d’avelli noi).

T’aricordi l’osteria sotto casa? Coi tavoli de fori sporchi de vino e l’odore da’a trippa ar sugo? Mo’ se ggiri pe’ Roma e trovi scritto “Osteria” da quarche parte, nun entri si nun c’hai ‘a carta de credito. E dentro pare che se stanno tutti a confessà, pe’ come parleno piano. ‘A vaccinara ha lasciato er posto a ‘a Aperitivo o ar Brance. Nun c’avemo ‘na lira, ma ‘sta città dà da magnà a tutto er cucuzzaro deji onorevoli, avvocati e ammanicati che i ristoranti so’ sempre pieni. C’hanno li sordi pure pe’ fasse pulì er culo da quarcun’artro: i vecchi s’hanno d’amparà quattro lingue pe’ fasse capì daj’estracommunitari, che qua hanno trovato ‘a america.

Ma forse nun è cambiato gnemte ‘n sostanza. Forse so’ solo io che nun vedo più gnemte come prima, come quanno c’eri tu. Sarà che se faceva ‘a fame pure prima e da ggiovani tutto sembrava mejo, perché magari poteva pure cambià. Mo’ ce ‘o so. L’unico cambiamento in mejo a cui posso ancora crede è che un giorno ‘sto core ‘a smetterà de lavorà aggràtise e me mannerà finarmente ‘n vacanza,

andò stai tu.

4 thoughts on “Primaporta – Pierpaolo Perrucci

  1. Come in “Caro amico ti scrivo” di Lucio Dalla, coincidenza odierna funesta, questo piccolo monologo di Pierpaolo fa sorridere con disincanto.
    Primaporta è un cimitero di Roma e le parole di Pierpaolo sono quelle a un amico che lì sta.
    Il romanesco, in forma di finto dialogo, sottolinea il carattere arguto, verace, un pò cinico del parlare popolare di oggi dei romani, con i rimandi naturali a Belli, Trilussa, Petrolini.
    Un sorriso, con disincanto, senza scomodare alti confronti.

  2. Un Amarcorde che tutto se vede..:).anche l’odore della trippa…e chissà
    se poi è vero che il tempo del nostro ricordo era veramente un’altra cosa…
    intanto spesso questa è la sensazione…

    un saluto

    mm

  3. “Si stai bbene o stai male, nun dipenne manco più da te. L’ha deciso quarcun artro.”
    Anche un altro Pierpaolo, sempre a Roma, dialogava in un cimitero – allora c’erano forse più risposte o si stava male lo stesso, chissà… di certo continuiamo a sorprenderci e questo qualcosa vorrà dire.
    Grazie a Pierpaolo (mandacene altri!) e a Vincenzo per avercelo proposto.
    Abele

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...