Guardando per terra

Voci della poesia contemporanea in dialetto – Vincenzo Mastropirro

*

So viste accide le murte, questa ridondanza semantica rende bene il valore della poesia dialettale di Vincenzo Mastropirro. Sènza facce sìenze/ sènza sanghe/ sènza recurde/ sènza vausce/ sènza nudde// Nudde meninne mèi (senza faccia senza/ senza sangue/ senza ricordi/ senza voce/ senza niente// Niente bambino mio). Libera tanto dalla “globalizzazione dei linguaggi poetici”, quanto dalla “specializzazione” delle lingue nazionali, il linguaggio poetico si dispiega nel vuoto pneumatico della libertà. La poesia dialettale, infatti, non è appesantita dalle questioni ideologiche del Secolo Breve, né risente delle velleità sperimentali di tanta poesia moderna in italiano.  Si presenta con i tratti di un Passato, senza tempo  e senza spazio. Invade la zona franca della lingua parlata, ma con una più spiccata forza di rappresentazione.

Nan è importande/ cume te giudechene l’alte/ ma cume te giudeche tiue.// Mò u timbe/ è devendòte etìerne/ e trattène u fridde de na panchina vacande (Non è importante/ come ti giudicano gli altri/ ma come ti giudichi tu.// Ora il tempo/ è diventato eterno/ e trattiene il freddo di una panchina vuota). Critici molto attenti a spiegarne l’ attuale fortuna la collocano nella dignitosa regione dell’antimoderno. Ed invece di postmoderno si dovrebbe parlare, nel suo essere sospesa nell’aria del linguaggio puro, priva delle zavorre di ogni struttura, potente nella sua capacità di stabilire un legame univoco tra significante e significato, assolutamente priva di qualsiasi altro rimando se non quello del loro ricchissimo dialogo. U timbe è miute. M’appartène./ Ne parle cu calme. Apre u quadìerne/ e lèsce de taiche, de niue, de tutte chire senza spèranze.// Dècide de mangiàmme re parole cchjù amòre pe po’ scquetò fuche (Il tempo è muto. Mi appartiene./ Ne parlo con calma./ Apro il quaderno e leggo di te, di noi, di tutti quelli che disperano.// Decido di ingoiare le parole più amare per poi sputare fuoco).

Anche la poesia dialettale di Mastropirro riesce a collocarsi fuori dal tempo reale e a staccarsi da un luogo definito, plastica e metafisica, ri-crea segni e contenuti archetipi, insieme arcaici e “bambini”. Essa possiede lo stesso spessore icastico delle maschere apotropaiche che ancora oggi adornano muri e balconi della nostra Puglia petrosa. Queste non svolgono più l’originaria funzione di esorcizzare demoni e allontanare energie negative; non separano più il mondo dei vivi da quello dei morti, ma riconducono la nostra liquida quotidianità dentro il seno denso della memoria e della tradizione. La lingua “ruvese” riallaccia la vita alle sue fonti energetiche originarie, con ironia e commozione, lontano da intenti etnografici o diletti popolareschi. Oscilla, al minimo, tra la forza del grammelot, e, nei punti più alti, la potenza di una neo-lingua.

Vincenzo Mastropirro è un domatore di canzoni (U domatore de canzòne). Prima di essere poeta, egli è un musicista. Ecco perché i suoi versi poetici andrebbero ascoltati, e senza bisogno di traduzione. Se ne coglierebbe subito la prima qualità, l’essere tridimensionali, sonori, appunto.  E’ dunque una poesia plurisensoriale, prima e al di là di ogni riflessione linguistica e semantica sull’uso del dialetto. Acchessèi nasce/  u sune de l’aneme./ M’assòlve pe chere ca so/ e nan dèiche ‘cchjù nudde./ U gedizìe spètte a viue (Così nasce/ il suono dell’anima./ Mi assolvo per quel che sono/ e non dico più niente./ Il giudizio spetta a voi).

Annunci

4 pensieri su “Guardando per terra

  1. …una bella sorpresa
    grazie Abele per la segalazione del mio spazio nell’antologia Guardando per terra ed. LietoColle 2011 che domani si presenterà a Roma alla Fiera del Libro EUR Palazzo dei Congressi ore 15.00 sala Turchese.
    L’antologia è a cura di Piero Marelli
    GLI AUTORI

    Ivan Crico
    Anna Maria Farabbi
    Renzo Favaron
    Fabio Franzin
    Francesco Gabellini
    Vincenzo Mastropirro
    Maurizio Noris
    Alfredo Panetta
    Edoardo Zuccato

    Il pezzo scritto qui è la nota di Pasquale Vitagliano. una mia poesia tratta dalla raccolta

    So viste accide le murte
    u bisture taghje e còpe
    nan’ si tiue ca te si capòte la vèite
    nesciune te velàje e si veniute

    mo stè ‘ddà ca dè
    ‘nanze au camese bianche dè

    la camere è vacande
    tutt’atturne nudde
    nesciune e nudde sì
    nesciune sì

    sènza naume sì
    sènza vèite

    ci t’arròbbe la carne
    lasse u sulche
    affunne e sènza tracce

    t’ùonne sfréggiòte cu tagghje

    sènza facce sìénze
    sènza sanghe
    sènza recurde
    sènza vàusce
    sènza nudde

    Nudde, meninne mèi

    ***********

    Ho visto uccidere i morti
    il bisturi taglia e sceglie
    non sei tu che hai scelto la vita
    nessuno ti voleva e sei venuto

    ora sei lì che offri
    davanti al camice bianco offri

    la stanza è vuota
    tutt’intorno niente
    nessuno e niente sei
    nessuno sei

    senza nome sei
    senza vita

    chi ti ruba la carne
    lascia il solco
    profondo e senza traccia

    ti hanno sfregiato col taglio

    senza faccia senza
    senza sangue
    senza ricordi
    senza voce
    senza niente

    Niente, bambino mio

  2. è travolgente. e non voglio traduzioni.
    ho ascoltato lo sguardo di vincenzo. ho avuto questo regalo, e in lui ho sentito cose.
    ho sentito fiati tramutarsi in alito.
    l’ho temuto, e forse è per questo che non gli ho dato l’attenzione giusta.
    ma non l’ho perduto, ché è dentro me, con tutta la sua voragine,
    di bellezza.
    e di tante briciole, non sono mai senza.
    grazie

    simonetta

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...